Ti trovi in:

Tributi, Canoni e Tariffe » Im.I.S. » Informativa IMIS 2018

Informativa IMIS 2018

di Lunedì, 08 Giugno 2015 - Ultima modifica: Mercoledì, 15 Maggio 2019
Immagine decorativa

Gentile contribuente,

Con l’anno 2015, solo per la Provincia di Trento e quindi differenziandosi rispetto al resto d’Italia, Imup e Tasi sono state sostituite dall’I.M.I.S , che sulla base dei dati in possesso di questo Comune Lei è tenuto a pagare.

Sono in spedizione, per tutti i contribuenti , le relative  schede nonche’ i MODELLI F24 precompilati relativi alla prima rata da pagare entro il 18 GIUGNO e alla seconda rata da pagare entro il 17 DICEMBRE

 NON è dovuto il PAGAMENTO dell’imposta PER IMPORTI INFERIORI AD € 15,00. In caso di DECESSO il VERSAMENTO relativo ai soli immobili rientranti nell'asse ereditario è POSTICIPATO di 12 MESI, sia per l'obbligazione del deceduto che per quella degli eredi.

PAGANO: Il proprietario o il titolare di altro diritto reale (uso, usufrutto, abitazione, superficie ed enfiteusi) sugli immobili di ogni tipo e sulle aree edificabili, ciascuno in proporzione alla quota di propria spettanza. Con riferimento a queste ultime devono pagare anche i coltivatori diretti/imprenditori agricoli a titolo principale.

NON PAGANO: I proprietari o titolari di altro diritto reale sui terreni rurali destinati ad uso agricolo o silvo-pastorale ed i proprietari di fabbricati concessi in comodato alla Provincia,

ai Comuni e ad altri enti pubblici per l’esercizio di funzioni, servizi o attività pubbliche.

Novita'  dall'anno 2016: l'IMIS non è dovuta per l'abitazione principale

Tabella delle aliquote a valere per il 2018 di cui alla  delibera consigliare n. 8 del 28/3/2018

 

Categoria Aliquota   Aliquota Abitazione principale Aliquota Rurali
A01 - abitazione di tipo signorile 0.895 % 0.350 %    
A02 - abitazione di tipo civile 0.895 % 0.000 % 0.100 %
A03 - abitazione di tipo economico 0.895 % 0.000 % 0.100 %
A04 - abitazione di tipo popolare 0.895 % 0.000 % 0.100 %
A05 - abitazione di tipo ultrapopolare 0.895 % 0.000 % 0.100 %
A06 - abitazione di tipo rurale 0.895 % 0.000 % 0.100 %
A07 - abitazioni in villini 0.895 % 0.000 % 0.100 %
A08 - abitazioni in ville 0.895 % 0.350 %    
A09 - castelli,palazzi di eminenti pregi artistici storici 0.895 % 0.350 %    
A10 - uffici e studi privati 0.550 %        
A11 - abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi 0.895 % 0.000 % 0.100 %
B01 - collegi e convitti, educandati, ricoveri, orfanotrofi, ospizi, conventi, seminari, caserme 0.895 %        
B02 - case di cura ed ospedali 0.895 %        
B03 - prigioni e riformatori 0.895 %        
B04 - uffici pubblici 0.895 %        
B05 - scuole, laboratori scientifici 0.895 %        
B06 - biblioteche, pinacoteche, musei, gallerie, accademie che non hanno sede in edifici della categ 0.895 %        
B07 - cappelle ed oratori non destinati all'esercizio pubblico dei culti 0.895 %        
B08 - magazzini sotterranei per deposito derrate 0.895 %        
C01 - negozi e botteghe 0.550 %        
C02 - magazzini e locali di deposito 0.895 %     0.100 %
C03 - laboratori per arti e mestieri 0.550 %     0.100 %
C04 - fabbricati e locali per esercizi sportivi (senza fini di lucro) 0.895 %        
C05 - stabilimenti balneari e di acque curative (senza fini di lucro) 0.895 %        
C06 - stalle, scuderie, rimesse ed autorimesse (senza fini di lucro) 0.895 %     0.100 %
C07 - tettoie chiuse od aperte 0.895 %     0.100 %
D01 - opifici (<= € 75.000) 0.550 %        
D01 - opifici (> € 75.000) 0.790 %        
D02 - alberghi e pensioni 0.550 %     0.000 %
D03 - teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli simili (con fini di lucro) 0.790 %        
D04 - case di cura ed ospedali 0.790 %        
D05 - istituto di credito, cambio ed assicurazione (con fini di lucro) 0.895 %        
D06 - fabbricati e locali per esercizi sportivi (con fini di lucro) 0.790 %        
D07 - fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un'attività industriale (<= € 50.000) 0.550 %        
D07 - fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un'attività industriale (> € 50.000) 0.790 %        
D08 - fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un'attività commerciale (<= € 50.000) 0.550 %     0.100 %
D08 - fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un'attività commerciale (> € 50.000) 0.790 %     0.100 %
D09 - edifici galleggianti o sospesi assicurati a punti fissi del suolo, ponti privati soggetti a pe 0.790 %        
D10 - fabbricati con funzioni produttive connesse alle attività agricole (<= € 25.000) 0.895 %     0.000 %
D10 - fabbricati con funzioni produttive connesse alle attività agricole (> € 25.000) 0.895 %     0.100 %
F03 - unità immobiliari in corso di costruzione 0.895 %        
F04 - unità immobiliari in corso di definizione 0.895 %        
FBR - area fabbricabile compresi fabbr. in ristruttuzione, recupero urbanistico e demolizione 0.895 %        

 

IMIS
Pagamento non dovuto se importo <= a € 15,00
Detrazione per abitazione principale € 324,74
Agevolazione comodato gratuito come da scelta regolamentare 0.400 %
Agevolazione "anziano o disabile in casa di riposo" assimilazione abitazione principale
Agevolazione "soggetto iscritto AIRE" SI

 

 

ABITAZIONE PRINCIPALE e FABBRICATI ASSIMILATI: è dovuta dalle sole abitazioni di lusso

l'aliquota fissata dal Comune è dello 0,35%  solo per le abitazioni di lusso cat. A1-A8 E A9 con una DETRAZIONE PARI AD € 324,74 mentre tutte  le altre categorie  utilizzate come abitazione principale sono esenti dall'imposta .

Per abitazione principale si intende il fabbricato nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la residenza anagrafica in immobili diversi, le modalità di applicazione dell’imposta per questa fattispecie e per le relative pertinenze si applicano ad un solo immobile; per residenze anagrafiche fissate in immobili diversi situati nel territorio provinciale, si intende per abitazione principale quella in cui, se presenti, pongono la residenza i figli eventualmente presenti nel nucleo familiare..

Si ricordano di seguito i principali casi di assimilazione, in tal caso si applica l'alquota del 0,400%:

1.        l’unità immobiliare concessa in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che la utilizzano come abitazione principale e che in essa pongono la residenza anagrafica e la dimora abituale, nonché agli affini entro il medesimo grado. L’assimilazione è fissata per un solo fabbricato abitativo, e la sua individuazione deve essere effettuata con la comunicazione di cui al comma 2 art. 5 regolamento Imis. L’assimilazione si applica anche alle eventuali pertinenze, nella misura massima di due unità complessive classificate nelle categorie catastali C2, C6 o C7.

2.        casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;

3.      fabbricato abitativo assegnato al genitore cui un provvedimento giudiziale ha riconosciuto l’affidamento dei figli, nel quale tale genitore fissi la dimora abituale e la residenza anagrafica;

4.      unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata.

5.     L’unica unità immobiliare abitativa posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato (iscritti AIRE), e che abbiano maturato nel paese di residenza il diritto alla pensione, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso

Nota : in caso di comodato gratuito ai parenti  in linea retta entro il primo grado dovra’ essere presentata apposita dichiarazione.

AREE EDIFICABILI E SITUAZIONI ASSIMILATE:

Per area edificabile si intende l'area utilizzabile a qualsiasi scopo edificatorio in base allo strumento urbanistico generale comunale. Per scopo edificatorio si intende la possibilità anche solo potenziale di realizzare fabbricati o ampliamenti di fabbricati. Un terreno si considera edificabile con l’adozione preliminare dello strumento urbanistico comunale.

Si considerano assimilati ad area edificabile:

a)    i fabbricati iscritti catastalmente nelle categorie F3 ed F4, nelle more dell’accatastamento definitivo;

b)    i fabbricati oggetto di demolizione o di interventi di recupero;

c)    le aree durante l’effettuazione dei lavori di edificazione, indipendentemente dalla tipologia dei fabbricati realizzati.

Si evidenzia inoltre che con riferimento alle aree edificabili è stata calcolata l’imposta considerando i valori a metro quadro individuati con delibera del Consiglio comunale n. 2 del  19/3/2015 .

i valori minimi per  le aree fabbricabili sono stati definiti al fine  del potere di accertamento e nell’intento di ridurre l’insorgenza di contenzioso   nei seguenti importi :

Aree residenziali in lottizzazione €  78,00/mq
aree residenziali non comprense nelle lottizzazioni €  96.00/mq
aree edificabili a destinazione artigianale €  60,00/mq).

Per le aree fabbricabili si ricorda inoltre che gia' a decorrere dal 2015, anche i coltivatori professionali, in possesso di aree fabbricabili, diversamente dal passato , sono ora tenuti al pagamento dell’imposta.

FABBRICATI STRUMENTALI ALL'AGRICOLTURA: godono di un regime agevolato mediante il riconoscimento di una DEDUZIONE dal valore catastale pari ad € 1.500,00.

Per fabbricato strumentale all’agricoltura si intendono i fabbricati censiti al catasto in categoria D10 e gli immobili per i quali sussiste l’annotazione catastale di ruralità.

RIDUZIONI E AGEVOLAZIONI:

Il proprietario o il titolare di altro diritto reale su fabbricati di INTERESSE STORICO E ARTISTICO (iscritto a libro fondiario) e su fabbricati riconosciuti come INAGIBILI E INABITABILI gode di una RIDUZIONE della base imponibile (valore catastale) nella misura del 50% ma senza possibilità di cumulo tra le due fattispecie.

COME E QUANDO SI PAGA: Si paga con il modello F24 ed i codici di versamento sono i seguenti e si ricorda che il codice comune da inserire e’  I924:

CODICI TRIBUTO
3990 Per abitazione principale e pertinenze    
3991 Per altri fabbricati abitativi    
3992 Per altri fabbricati  (non abitativi)    
3993 Per aree edificabili    

Per maggiori approfondimenti può consultare il sito internet del comune all’indirizzo www.comune.spormaggiore.tn.it Nella stessa sezione del sito è attivato anche il calcolatore automatico che Lei potrà utilizzare per l’eventuale ricalcolo dell’imposta e la stampa dei relativi modelli di versamento.

Per ulteriori informazioni o chiarimenti, può rivolgersi direttamente all'Ufficio della Gestione Associata della Paganella in materia di entrate sito in Andalo, Piazzale Paganella nr. 3, telefono 0461 585885, e-mail servizio.tributi@comunita.paganella.tn.it